Benvenuti!

Chissà quanti ricordi abbiamo di geografia!
A partire dalle scuole elementari, è forse la materia più coinvolgente...
Se unita all'archeologia, ci aiuta a capire chi è passato prima di noi, cosa ci ha lasciato, come ha affrontato la vita con le sue forze, inerzie e bellezze...ma dove?

Tutto ciò specialmente in Israele-Palestina e tutta la "Terra del Santo"! In quella "mezzaluna fertile", teatro e origine delle civiltà.
Con questo blog desidero coinvolgere amici e tutte le persone di buona volontà nella ricerca e nell'amore verso questa Terra, amata e benedetta da Dio.

mercoledì 4 giugno 2014

IL MONOGRAMMA DI CRISTO

"Monogramma di Cristo" presso il soffitto del Mausoleo cosidetto di Galla Placidia a Ravenna. Si leggono, nel monogramma, la "Chi - X" e la "Ro - P" greche, le quali stanno per Cristòs, cioè il Cristo, Mashiah in ebraico, l'Unto, il "messo da parte, riservato" per la salvezza del mondo, per portare la buona notizia del regno di Dio alle genti. Alle due lettere greche intrecciate, seguono poi l'Alfa e l'Omega, rispettivamente prima lettera ed ultima lettera dell'alfabeto greco. Esse indicano che il Cristo Gesù è il principio (inizio) e la conclusione (fine) di tutte le cose. Traccia importante per questa professione di fede è il libro dell'Apocalisse dove il Figlio Gesù si offre con questa espressione. Cfr. Ap 1,8; 21,6; 22,13.


lunedì 2 giugno 2014

MACHERUS I - LA FORTEZZA ERODIANA DI MACHERONTE (GIORDANIA)

 

Presentato Machaerus I

"Machaerus I” (Macheronte) è il libro fotografico - basato sull’omonima località giordana che ospita i resti del Palazzo di Erode, dove sarebbe stato decapitato Giovanni Battista - che è stato presentato oggi, domenica 1 giugno, nel Palazzo delle Opere Sociali.
 
Sono intervenuti il suo autore, l’archeologo ungherese Gyozo Voros, l’archeologo Massimo Pazzini e Giuseppe Caffulli, direttore delle Edizioni Terra Santa che hanno curato la pubblicazione del volume. "Le scoperte archeologiche di Macheronte consentono di fare un viaggio nel tempo – ha esordito Caffulli – permettendo di comprendere lo spazio mediorientale all’epoca di Gesù. Questo spazio è stato studiato anche dagli archeologi francescani, di cui fra’ Massimo Pazzini è un esponente di spicco”. "Nel corso della mia carriera ho partecipato ad una serie di campagne di scavo in Terra Santa , rendendomi conto che l’ambiente giordano ha tantissimo da offrire per poter meglio contestualizzare gli spazi biblici. In uno dei miei ultimi viaggi sono stato ospitato presso l’affascinante sito di Machaerus – ha spiegato Pazzini, mostrando una serie di fotografie di reperti archeologici rinvenuti nell’area - Il luogo, di proprietà dei francescani, è attualmente analizzato dall’equipe del professor Voros. Grazie agli ottimi contatti tra Francescani e Casa Reale Giordana, infatti, è possibile avviare queste campagne archeologiche, importantissime per illuminare la storia neotestamentaria attraverso l’analisi della vita materiale al tempo di Gesù e nei decenni immediatamente successivi”. "Sono arrivato in Giordania dopo un periodo in Egitto e a Cipro – ha chiarito Voros - Tramite l’Accademia per le Arti Ungherese con cui collaboro ho partecipato ad una sorta di concorso internazionale per continuare gli scavi a Machaerus, dopo che con la morte di Padre Michele Piccirillo il posto di direttore della campagna archeologica era rimasto vacante. Mi affascinava moltissimo il fatto che Machareus fosse un sito "incapsulato nel tempo”, corrispondente ad un centro urbano abitato a cavallo tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C e poi abbandonato; inoltre lo scrittore Giuseppe Flavio, vissuto in quel periodo, lo indicava come il luogo su cui sorgeva il Palazzo di Erode, cosa che aveva determinato i primi rilievi archeologici a partire da metà ‘800. Oggi, di fatto, continuiamo quegli studi, nella consapevolezza di avere a che fare con uno spazio speciale in cui c’è ancora molto da scoprire e pubblicare”.